04Marzo

Mentalità industriale, eccellenza artigianale

Speciale Trasnspotec Logitec - dalla rivista Parts Truck

Mentalità industriale, eccellenza artigiana

L'Associazione Italiana Rettificatori e Ricostruttori di Motori contribuisce da 50 anni allo sviluppo di una categoria che oggi affronta una svolta epocale. La federazione nasce a Torino il 4 aprile 1969 per approfondire le tematiche del settore della ricostruzione di motori endotermici e del ricondizionato di loro singole parti. Dieci anni dopo la sede viene trasferita a Bologna, dove è tuttora.

Oggi la FIR conta circa 200 aziende associate, con un fatturato di oltre 220 milioni di euro, dislocate su tutto il territorio nazionale e specializzate nella rigenerazione, riparazione e ottimizzazione degli organi e dei componenti delle macchine, dei natanti, dei velivoli e dei veicoli a motore, nonché nella conversione a un'alimentazione più ecologica.
L'associazione annovera inoltre, in qualità di sostenitore, le aziende commerciali fornitrici del settore che suggeriscono informazioni tecniche e commerciali e curano iniziative di formazione esclusive peri soci.

"L'obiettivo di FIR è sempre stato quello di essere riconosciuta come sede istituzionale rappresentante le aziende che ruotano attorno alle attività relative al motore" spiega Alice Celegato, Presidente dell'associazione.

"Ciò significa espletare una serie di attività che vanno dalla rappresentanza, la tutela e la valorizzazione della categoria alla promozione della collaborazione tra i soci, alla consulenza e formazione, al miglioramento dei rapporti con i produttori e i fornitori, ai rapporti con altre realtà associative del settore motoristico e della post produzione e, non ultime, a tutte quelle attività di marketing, fieristiche e di pubblicazioni che possano promuovere la conoscenza e lo sviluppo delle aziende HR."

Il cliente principale resta l'officina meccanica di veicoli e mezzi pesanti e le aziende sono in grado di offrire alla clientela una vasta gamma di prodotti, motori e turbo rigenerati, testate revisionate, cambi manuali e automatici.

"Il rettificatore è uno specialista tecnico di motori e il partner ideale del meccatronico, un professionista intorno al quale si muovono e si concentrano tutte le attività tecniche e commerciali della ricostruzione dei motori, attività che negli anni si è oltremodo trasformata"

aggiunge Alice Celegato

"le aziende che aderiscono alla FIR, sono imprenditori che investendo in un progetto di sviluppo continuo, possono contare su un bagaglio di informazioni tecniche e una formazione professionale specifica, per gestire in modo ottimizzato le casistiche tecniche e casistiche aziendali. Una importante considerazione sta nei volumi di motori e parti motore che le aziende Fir gestiscono e di conseguenza anche nella ripetitività con la quale alcuni tipi di guasto tecnico si presentano nelle circa 200 aziende dello stivale. Sono esattamente i guasti tecnici frequenti e non, semplici e complessi, per i quali l'esperienza e la conoscenza sono rilevanti, che trovano la migliore soluzione per il cliente, proprio all'interno delle rettifiche Fir".

Oggi la categoria è chiamata ad affrontare sfide decisive: "Occorre investire in organizzazione aziendale che favorisca ancora di più la flessibilità che le nostre aziende hanno conclude Alice Celegato perseguendo una logica industriale senza perdere il sapere e l'eccellenza caratteristiche delle realtà artigiane".

Transpotec Logitec
Pad. 9 Stand E5.

Files:
(0 voti)
Data 04-03-2019
Dimensioni del File 1.33 MB
Download 64

in categoria Stampa

FIR Associazione Italiana Rettificatori e Meccatronici Qualificati
Associazione Italiana Rettificatori e Meccatronici Qualificati

Contatti rapidi

Telefono 051 0924019
FIR - Associazione Italiana Rettificatori e Meccatronici Qualificati - P.IVA 03658491208 Cod. Fisc. IT80083160012 - © 2018
Viale Angelo Masini 12 - 40126 Bologna (BO), Italia